Società di Ingegneria

Università Luiss - Roma

Il progetto è consistito negli interventi di restauro conservativo e adeguamento tecnologico degli impianti elettrici e speciali relativi a tutti gli ambienti universitari:

  • aule
  • sala lettura
  • uffici direzionali e studi docenti
  • frontfoffice e ced
  • residenze docenti
  • archivi
  • mensa
  • locali di servizio: cucina, servizi igienici, corridoi, scale, locali tecnici
  • guardiania

per una superficie totale di 17540mq ripartita nelle seguenti porzioni funzionali:

  • Istituto: 13047mq
  • Villa Heritz: 1486mq
  • Casale e scuderie: 939mq
  • Chiesa: 1295mq
  • Casa custode: 100mq
  • Campo Basket: 673mq

Opengineering ha curato la progettazione definitiva per i seguenti impianti:

  • impianto elettrico
  • impianto illuminazione
  • rete fonia/dati
  • rete di ricezione tv terrestre e satellitare
  • rivelazione fumi
  • impianto audio-allarme
  • illuminazione d’emergenza
  • impianto tv a circuito chiuso
  • impianto antintrusione

L’impianto elettrico è costituito da una rete preferenziale, alimentata dalla rete nazionale e dal gruppo elettrogeno, e da una rete di continuità, alimentata dalla rete nazionale, dal gruppo elettrogeno e dagli UPS. Data l’entità dell’intervento è stata prevista l’installazione di un cospicuo numero di quadri elettrici secondari alimentati direttamente dal quadro elettrico generale di bassa tensione ed in parte dai quadri di edificio. Il numero e la posizione dei quadri elettrici è stato progettato in modo tale da poter distribuire facilmente i circuiti elettrici secondari limitandone al minimo la loro lunghezza.
Per quanto riguarda invece l’impianto di illuminazione ordinaria, essa è stata pensata per garantire livelli di illuminamento in base alla destinazione d’uso dei locali. Sono state impiegate lampade fluorescenti e a ioduri metallici del tipo a luce “calda” (2700/3000°K).
L’illuminazione d’emergenza, invece, è stata realizzata con gli stessi apparecchi previsti per l’illuminazione normale, ma equipaggiati con gruppo autonomo d’emergenza capace di garantire un’autonomia ≥ 1 ora e una ricarica in 12 ore. L’impianto d’emergenza assicura un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux, ad 1 m di altezza dal piano di calpestio lungo le vie di uscita. Tutti gli apparecchi d’emergenza vengono supervisionati da un sistema centralizzato: ogni apparecchio è dotato d’interfaccia indirizzabile, che consente di controllare a distanza lo stato d’efficienza della sua lampada e della sua batteria.
L’impianto di fonia e trasmissione dati ha la funzione di stabilire dei collegamenti tra elementi periferici e concentratori ed è stato progettato ipotizzando una serie di servizi ed informazioni che potranno essere scambiati tra le diverse parti che partecipano all’utilizzo ed alla conduzione delle diverse attività all’interno degli edifici.
È stato previsto anche un impianto di ricezione TV terrestre e satellitare centralizzato, a servizio dell’intero Istituto ed uno separato per l’edificio destinato agli alloggi dei docenti.
L’impianto di rivelazione incendi, che è in grado di sorvegliare costantemente tutti gli edifici, combina in un unico sistema le seguenti funzioni:

  • rivelazione e segnalazione automatica, nel minore tempo possibile, di un principio d’incendio
  • segnalazione manuale (mediante azionamento di apposito pulsante) di un principio d’incendio rivelato dall’uomo anziché dagli appositi rivelatori
  • innesco del tempestivo esodo delle persone
  • attivazione dei piani di emergenza e soccorso
  • attivazione di eventuali altri sistemi di protezione antincendio e delle misure di sicurezza quali ad esempio chiusura porte e serrande tagliafuoco.

L’intero complesso è stato dotato di un impianto centralizzato di diffusione sonora per la gestione delle emergenze, costituito da una centrale di gestione e da una serie di diffusori acustici che oltre alle funzioni specifiche legate agli avvisi hanno anche la possibilità di inviare annunci o messaggi di cortesia.
In ogni aula, presente all’interno dell’Istituto, l’impianto di diffusione sonora è costituito da un amplificatore, da un microfono radio, da un microfono con filo e da un certo numero di diffusori acustici. Tuttavia, grazie alla presenza in ogni aula di uno switch di segnale, in caso di emergenza i diffusori presenti in aula possono essere utilizzati dalla centrale di audio-allarme per diffondere i segnali d’emergenza.
Gli edifici oggetto di intervento sono stati poi provvisti di un impianto di antintrusione e di TV a circuito chiuso per il controllo e la prevenzione degli accessi non autorizzati. Il sistema ha il compito di sorvegliare principalmente tutti gli accessi che dall’esterno conducono all’interno e gli accessi ad alcune zone riservate, quali aree uffici docenti ed aule informatiche.



GALLERY

  • -
  • -
  • -
  • -
  • -


SCHEDA TECNICA
Opera

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali ‘Guido Carli’ - LUISS (Roma)

Committente Finale

Lamaro Appalti S.p.A.

Anno

2006

Progetto Arcvhitettonico

Studio Nira S.r.l.

Progetto Strutture

Studio Nira S.r.l.


SERVIZI FORNITI

Progettazione Definitiva per Impianti Elettrici e Speciali

Progetto Impianti

Enetec S.r.l.

Incarico affidato da

Enetec S.r.l.

Importi Impianti

3.710.526,74 euro