Società di Ingegneria
Residenza Adisu - Roma

Residenza Adisu - Roma

L’Agenzia per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio, denominata fino al novembre 2004 “Adisu” e poi ridefinita “Laziodisu”, è l’ente che provvede ai sensi della legge regionale n.25/2003 alla attuazione degli interventi i n materia di conferimento di borse di studio, posti alloggio e contributi monetari. Essa ha la propria sede legale in Roma e cinque sedi decentrate denominate “Laziodisu territoriali” le quali fanno riferimento alle università statali, agli istituti universitari statali ed alle istituzioni per l’alta formazione artistica.
Il progetto, con il quale si è intervenuti sulla sede territoriale ADiSU di Roma-La Sapienza, è consistito nella realizzazione di una residenza universitaria per complessivi 600 posti letto, dotata di servizi comuni ed aule di studio, per una superficie residenziale complessiva di 9908mq ed una cubatura totale di 59573mc. In particolare si è intervenuto su:

  • n.120 stanze singole da 24,00 mq
  • n.192 stanze doppie da 28,80 mq
  • n.12 stanze per disabili da 38,40 mq

Tutti gli impianti elettrici e speciali sono stati progettati per assicurare il giusto grado di comfort ambientale sia agli ospiti residenti che al personale ivi operante e per garantire che tutte le attività vengano svolte in totale sicurezza. In particolare la progettazione è stata volta alla definizione delle seguenti opere:

  • impianto elettrico
  • impianto d’illuminazione ordinaria e d’emergenza
  • rete fonia/dati
  • impianto TV
  • impianto di rivelazione incendi
  • impianto TVCC
  • controllo accessi
  • impianto di protezione dalle scariche atmosferiche

L’impianto d’illuminazione è stato pensato per garantire una corretta illuminazione confacente alla destinazione d’uso di ciascun locale, in modo da evitare il crearsi di sensazioni fastidiose per gli occhi. Invece, l’illuminazione d’emergenza è stata ideata per attivarsi automaticamente nell’istante in cui, per una qualsiasi anomalia sulla rete pubblica dell’ente distributore o sulla rete principale interna al complesso, dovesse venire a mancare l’illuminazione normale.
L’impianto elettrico generale fornisce l’alimentazione a tutti i servizi di lavanderia, stireria, cucina, alle apparecchiature degli impianti tecnologici e a tutte le prese distribuite nel complesso. Per migliorare poi l’affidabilità degli impianti, ovvero per diminuire i tempi di disservizio e per aumentare il livello di sicurezza all’interno dell’intero complesso, è stato previsto un sistema centralizzato di gestione e controllo degli impianti elettrici.
La rete fonia-dati è stata progettata secondo la tecnica del cablaggio strutturato, mentre per l’impianto TV è stato previsto un sistema integrato di antenne per la ricezione di programmi televisivi irradiati sia per via terrestre che per via satellitare, che gestisce l’invio dei segnali televisivi captati alle diverse tipologie d’utenze. In merito all’impianto di rivelazione incendi, data la specificità dell’edificio, è stata prevista la protezione di tutte le zone ad elevato rischio mediante l’installazione di rivelatori di tipo ottico direttamente in ambiente.
La sorveglianza è stata estesa anche a tutti i locali tecnici ed alle cucine, ove è maggiore il rischio d’incendi. La copertura antincendio è stata estesa anche ai volumi interni ai controsoffitti, ai cavedi, ai contro pavimenti, laddove cioè il passaggio degli impianti elettrici possa innalzare il rischio di eventi indesiderati.
La progettazione ha adottato un sistema modulare, flessibile e di facile ampliabilità, basato sulle più avanzate tecnologie di settore, in grado di inviare segnalazioni di tipo ottico ed acustico alla centrale d’allarme.
L’impianto TVCC, che è stato progettato, permette il controllo delle aree videosorvegliate 24h/24 ed è composto da:

  • telecamere B/N ad alta sensibilità
  • selettore ciclico di gestione dei segnali video, con tastiera operatore
  • 3 monitor per le postazioni di presidio
  • video registratore time-lapse con velocità da 3h in real-time a 960h in time-lapse

L’impianto per il controllo accessi è stato progettato per il controllo degli accessi mediante badge a testine magnetiche e si compone pertanto di lettori di badge magnetici, concentratore per la gestione dei lettori, unità centrale di supervisione.
I locali che sono stati sottoposti all’impianto di controllo sono:

  • porte d’accesso
  • scale
  • garage
  • corridoi
  • segreteria
  • locali del pian terreno

L’impianto di protezione dalle scariche atmosferiche è stato progettato con lo scopo di difendere l’intero complesso dai pericoli derivanti dalle scariche atmosferiche e da quelli derivanti dai contatti accidentali con parti metalliche che normalmente non sono in tensione, ma che potrebbero andare in tensione in caso di cedimento delle parti isolanti che proteggono le apparecchiature elettriche.

SCHEDA TECNICA
Opera

Azienda per il Diritto allo Studio Universitario (A.Di.S.U.) “La Sapienza” - Roma

Committente Finale

A.DI.S.U.

Valore Opera

24.456.886,03 €

Anno

2006

Progetto Architettonico

Reconsult S.p.A.
Prof. Arch. Franco Purini
Prof. Arch. Laura Thermes

Progetto Impianti Fluidici

Studio Ing. Cuda


SERVIZI FORNITI

Progettazione Preliminare e Definitiva per Impianti Elettrici e Speciali

Incarico affidato da

Reconsult S.p.A.

Importi Impianti

1.911.376,55 €