Società di Ingegneria

Sala Cineconcertistica - Astana, Kazakhstan

La Sala è stata progettata su committenza della Presidenza Repubblica del Kazakhstan che, tramite il suo Dipartimento di Costruzione, ha voluto realizzare nella capitale Astana una sala Cine-Concertistica e tutti gli ambienti di servizio ad essa collegati, destinandovi un’area complessiva di 50.000 mq. L’insieme delle opere è costituito dalle seguenti porzioni funzionali:

  • n° 1 sala da 3500 posti, con fossa per l’orchestra e locali di supporto
  • n° 1 sala da 400 posti e locali annessi
  • n° 1 sala da 250 posti e locali annessi
  • piazza, uffici, ristoranti e caffè

Opengineering si è occupata della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva sia degli Impianti Elettrici che degli Impianti Speciali, come dettagliato di seguito:

  • Impianto elettrico generale
  • Impianto d’illuminazione ordinaria
  • Impianto d’illuminazione d’emergenza
  • Impianto rivelazione incendi
  • Impianto di diffusione sonora per l’evacuazione guidata
  • Impianto antintrusione
  • Impianto TVCC Rete fonia/dati
  • Impianto TV terrestre e satellitare

Per l’impianto elettrico sono stati previsti i seguenti interventi:

  • realizzazione nuova cabina di trasformazione MT-BT
  • realizzazione dell’impianto di illuminazione ordinaria
  • realizzazione dell’impianto di illuminazione di emergenza
  • realizzazione dell’impianto prese e forza motrice distribuita
  • realizzazione dell’impianto elettrico di alimentazione degli impianti di condizionamento

Il sistema elettrico generale è costituito da tre reti elettriche primarie, denominate Rete Normale, Rete Preferenziale e Rete di Continuità. La rete normale è alimentata solo dalla rete elettrica nazionale, la rete preferenziale è alimentata anche dal gruppo elettrogeno, mentre la rete di continuità è alimentata anche dagli UPS. La distribuzione elettrica è suddivisa nei due livelli di Distribuzione Primaria, che è il complesso degli elementi che consentono la connessione elettrica tra le apparecchiature presenti nella centrale elettrica con i quadri elettrici di zona, e di Distribuzione Secondaria, che è la restante parte d’impianto, costituita dai circuiti elettrici che partendo dai quadri secondari alimentano le apparecchiature terminali.
L’impianto d’illuminazione è stato progettato combinando l’uso delle seguenti sorgenti luminose:

  • Illuminazione sottogradonata
  • Illuminazione platea
  • Illuminazione di rinforzo per pulizie
  • Illuminazione perimetrale a parete
  • Illuminazione indiretta su soffitto
  • Illuminazione generale della sala
  • Illuminazione del palco relatori
  • Illuminazione gradini
  • Contorno luminoso decorativo
  • Luci segnafile

In tutte le aree è stata prevista un’illuminazione preferenziale che garantisce un livello di illuminamento di circa 1/3 rispetto all’illuminazione normale ed ha la funzione di integrare l’illuminazione di sicurezza nel caso manchi tensione di rete generale. Essa sarà normalmente accesa e si spegnerà al mancare della tensione di rete. La segnalazione e l’illuminazione delle vie d’esodo è garantita da apparecchi a “led dedicati”, collegati alla rete normale, completi di pittogramma e posizionati al di sopra delle porte di uscita ed ovunque sia necessario segnalare una direzione. All’esterno, sopra le porte di emergenza principali, saranno poi installati una serie di proiettori alogeni da 150 W collegati ai circuiti di continuità e funzionanti in assenza di tensione di rete, al fine di permettere un sufficiente livello di sicurezza durante l’esodo delle persone.
L’intero complesso è costantemente sorvegliato da un complesso impianto di rivelazione incendi del tipo analogico indirizzabile, che è stato progettato in modo tale da permettere di avvisare tempestivamente il servizio di sicurezza interno all’insorgere di un focolare. La segnalazione di un incendio può avvenire sostanzialmente con due modalità, manuale ed automatica.
La particolarità del sistema analogico indirizzabile risiede nel fatto che tutti gli elementi, sia essi appartenenti al sistema di rivelazione manuale che a quello automatico, sono dotati di un proprio indirizzo tale che dopo un’attenta programmazione della centrale sia possibile in modo estremamente veloce risalire a quale elemento abbia generato una segnalazione d’allarme. Nello specifico l’impianto di rivelazione incendi è composto da circa 1500 indirizzi facenti capo a 2 centrali di controllo e segnalazione.
L’intero complesso è stato dotato di un impianto centralizzato di diffusione sonora per la gestione delle emergenze. L’impianto è costituito da una centrale di gestione, ubicata in locale dedicato e da una serie di diffusori acustici. Oltre alle funzioni specifiche legate agli avvisi, il sistema ha la possibilità di inviare anche messaggistica di cortesia. L’edificio è stato provvisto di un impianto antintrusione e di TV a circuito chiuso per il controllo e la prevenzione degli accessi non autorizzati all’interno di tutto l’edificio. Al sistema è stato sostanzialmente affidato il compito di sorvegliare principalmente tutti gli accessi che dall’esterno conducono all’interno e ad alcune zone di particolare interesse, quali ad esempio sale e foyer. Il sistema integrato dovrà evitare il verificarsi di eventi quali furti, vandalismo, rapine, sabotaggi ed altro che possano mettere a repentaglio la sicurezza fisica delle persone e comportare la perdita o il danneggiamento di beni materiali o immateriali di valore. Per l’intero edificio è stata prevista anche la realizzazione di una rete integrata per la fonia e la trasmissione dati, con lo scopo di stabilire dei collegamenti tra elementi periferici e concentratori per lo scambio di una serie di servizi ed informazioni tra le diverse parti che partecipano all’utilizzo ed alla conduzione delle attività all’interno dell’edificio.
L’edificio è stato dotato di un impianto di ricezione dei segnali TV del tipo terrestre e satellitare, in grado di ricevere e distribuire i segnali provenienti dalle emittenti televisive nazionali ed internazionali.



GALLERY

  • -
  • -
  • -
  • -
  • -


SCHEDA TECNICA
Opera

Sala Cine-Concertistica Universale - Astana (Kazakhstan)

Committente Finale

Presidenza della Repubblica del Kazakhstan - Dipartimento di Costruzione di Astana

Anno

2005

Progetto Architettonico

Studio Nicoletti

Progetto Strutture

Mario Salabè - Ingegneri Associati


SERVIZI FORNITI

Progettazione Preliminare, Definitiva, Esecutiva per Impianti Elettrici e Speciali

Progetto Impianti

Enetec S.r.l.

Incarico affidato da

Enetec S.r.l.

Importi Impianti

6.837.399,6 euro