Società di Ingegneria
Nuova Sede Unicef-IRC – Firenze

Nuova Sede Unicef-IRC – Firenze

L’opera riguarda la rifunzionalizzazione della storica ala est dell’Ospedale degli Innocenti che sarà adibita a nuova sede dell’Unicef. L’intero complesso, dotato anche di cortile interno, è disposto su tre livelli con affaccio su Via dei Fibbiai e sul Cortile interno. Le superfici complessive sono le seguenti:

  • piano terra di circa 300 mq
  • piano primo di circa 850 mq
  • piano secondo di circa 850 mq

L’opera progettuale integrata prevede in fase di ristrutturazione di intervenire sia sulle componenti architettonico-strutturali che su quelle impiantistiche. Si prevede in particolare di creare nuovi spazi di aggregazione, demolendo alcune porzioni di murature non portanti e di realizzare, nel rispetto delle normative vigenti, dei vincoli e dei distacchi dagli edifici circostanti, una nuova scala di emergenza che collegherà anche il piano secondo e che si integrerà al Cortile interno; questa scala, oltre che per emergenza, potrà così essere utilizzata per accedere al giardino durante i momenti di pausa, diventando dunque un altro spazio di relazione ed aggregazione. E’ stato previsto anche di installare un ascensore panoramico con la sola pedana opaca e la cabina in vetro, azionato da un sistema oleodinamico a pistone fondato al piano terra, per salvaguardare la percezione dello stato dei luoghi e l’illuminazione naturale che favorisce il risparmio energetico.
Opengineering si occupa della progettazione per gli Impianti Tecnologici, ponendo particolare cura ai temi del risparmio energetico, integrazione architettonica e rispetto delle peculiarità storico-artistiche dell’Ospedale degli Innocenti.
La proposta dei vari sistemi impiantistici è finalizzata ad una significativa riduzione dei consumi energetici. Si è cercato di coniugare il risparmio energetico con le prestazioni ed il confort ambientale e a tal riguardo le proposte progettuali impiantistiche si possono così riassumere:

  • Adozione di un sistema di controllo e gestione della luce
  • Utilizzo di corpi illuminanti perfettamente integrati con il contesto architettonico
  • Utilizzo di sorgenti luminose ad alta efficienza e lunga durata quali LED e fluorescenti T8 long life (75.000 ore di funzionamento)
  • Adozione di una rete elettrica altamente affidabile provvista di UPS per garantire la massima continuità di servizio
  • Adozione di un sistema di cablaggio strutturato altamente performante in categoria 6A
  • Adozione di fonti energetiche alternative per il contenimento del consumo energetico nella generazione dei fluidi termo vettori e nel recupero
  • Adozione di impiantistica per il condizionamento in funzione del suo inserimento nel contesto monumentale dell’immobile

Dal punto di vista dell’integrazione architettonica, la soluzione impiantistica adotta tipologie tecnologiche di canalizzazioni e cavedi ispezionabili, consoni alla nuova visione di ufficio come spazio di aggregazione. Così pure al pavimento originale sarà applicato a secco un nuovo pavimento flottante e radiante che permette una posa rapida e variabile degli impianti, conferendo così agli uffici il massimo della flessibilità. Infine, per garantire il risparmio energetico, verranno sostituiti gli infissi, pur nel rispetto della normativa vigente e dei vincoli esistenti, con nuovi infissi realizzati sullo stesso disegno degli originali, ma con materiali nuovi e a tenuta (taglio termico), con doppio vetro camera per garantire tra l’altro anche l’abbattimento acustico.
La collocazione poi delle macchine di servizio degli impianti di riscaldamento, raffrescamento, adduzione di acqua potabile e acqua calda sanitaria, che avviene in un vano costruito ex novo sotto il piano di calpestio dell’attuale giardino  perfettamente integrato con esso quale arredo urbano, facilita la loro installazione e dunque la loro manutenzione con un consistente abbattimento dei relativi costi. In più questa soluzione non grava ulteriormente con macchine ingombranti e pesanti sulle strutture portanti dell’edificio da rifunzionalizzare e nel contempo risulta ottimale dal punto di vista dell’areazione dei locali impianti. In questo modo all’interno degli uffici avviene la sola distribuzione delle utenze, diminuendo drasticamente il rischio di situazioni di emergenza causate da problemi agli impianti, a favore della sicurezza degli utenti che utilizzano tali ambienti.
Dal punto di vista Illuminotecnico, invece, sono state previste soluzioni per l’integrazione della luce artificiale con quella naturale.
Visto il carattere peculiare dell’edificio, nella scelta degli apparecchi illuminanti si è data la priorità all’utilizzo di apparecchi a luce diretta/ indiretta. L’utilizzo di questi apparecchi permetterà di illuminare i soffitti di pregio (soprattutto al secondo piano), evitando il cosiddetto “effetto caverna”, e consentirà di sfruttare la riflessione luminosa generata dagli stessi ottenendo un’illuminazione generale diffusa.
Negli ambienti di lavoro, quali uffici, sale riunioni etc., sono stati previsti apparecchi illuminanti da tavolo e per sistema a sospensione, riducendo così l’invasività della distribuzione elettrica e garantendo un controllo dell’impianto quasi completamente in esterno, una semplice e veloce manutenibilità e la flessibilità distributiva degli spazi nel tempo. E’ stato previsto  l’impiego di sorgenti LED per l’illuminazione d’accento, al fine di ridurre i costi della manutenzione ed abbattere notevolmente il consumo energetico dell’impianto. Grazie poi alle pareti perimetrali dell’edificio in parte vetrate, è garantito un notevole apporto di luce naturale diurna negli ambienti con affaccio esterno diretto. In tali ambienti si è quindi scelto di installare una sistema di ‘gestione illuminotecnica’ che, grazie all’utilizzo di sensori di presenza, sensori di luminosità ed apparecchi con ballast elettronico DALI, permette di integrare l’apporto di luce naturale diurna con la luce artificiale, garantendo sempre un livello di illuminamento medio sul piano di lavoro pari a 500 lux, calcolati in conformità alle normative vigenti. Una tale soluzione se da un lato consente di creare condizioni di miglior comfort visivo, dall’altro ottiene il beneficio del risparmio energetico. Infatti, i sensori di luminosità sono in grado di rilevare l’apporto di luce derivante dall’ambiente esterno, controllando e dimmerizzando la luce artificialenecessaria al raggiungimento dei livelli di illuminamento prescritti dalle normative. In questo modo le lampade forniranno solo il flusso luminoso necessario al raggiungimento di tali valori. Inoltre l’utilizzo di lampade fluorescenti costantemente dimmerate permette di stabilizzare ed allungare la vita media della sorgenti, diminuendo i costi di manutenzione.
Quanto alla distribuzione elettrica per salvaguardare i valori artistici dell’opera, sono state privilegiate le soluzioni che impiegano canalizzazioni incassate e distribuzioni sottopavimento e/o nei controsoffitti ove previsti. L’utilizzo di pavimenti sopraelevati, con pannelli radianti integrati, utilizzati sia in riscaldamento che in raffreddamento, ha inoltre permesso di distribuire tutta l’impiantistica (impianti idrici, elettrici e speciali) al di sotto di tale pavimentazione, riducendo al minimo le parti in traccia o in elevazione.
Per quanto attiene gli impianti di riscaldamento e condizionamento si è previsto un impianto con pompe di calore, abbinato ad un impianto misto ad aria primaria e terminali radianti integrati in un pavimento sopraelevato. In sostanza l’impianto impiega un’unità a recupero termodinamico attivo che utilizza la tecnologia a pompa di calore per gestire il ricambio di aria ambiente (aria primaria) ed una pompa di calore aria-aria per alimentare i vari circuiti dei pavimenti sopraelevati radianti.


GALLERY

  • -
  • -
  • -
  • -
  • -


SCHEDA TECNICA
Opera

Nuova Sede Unicef-IRC – Firenze

Committente Finale

Istituto degli Innocenti di Firenze

Valore Opera

2.150.000,00 €

Anno

2014

Progetto Architettonico

Arch. Filippo Martines

Progetto Strutture

Ing. Marco Peroni

Progetto Impianti

Opengineering S.r.l.


SERVIZI FORNITI

Progettazione Preliminare, Definitiva, Esecutiva e Direzione dei Lavori degli Impianti Termofluidici, Elettrici e Speciali

Incarico affidato da

Istituto degli Innocenti di Firenze

Importi Impianti

1.270.000,00 €